Separazione e assegno di mantenimento: l’incidenza della durata del matrimonio

Articolo pubblicato sul “Quotidiano Italiano” edizione di Barletta del 7 maggio 2015

http://bat.ilquotidianoitaliano.it/cultura-spettacolo/2015/05/news/separazione-e-assegno-di-mantenimento-lincidenza-della-durata-del-matrimonio-57607.html/

Quando, secondo la giurisprudenza, la durata del matrimonio  è rilevante al punto da far nascere o escludere l’attribuzione per l’altro coniuge del diritto all’assegno di mantenimento? Lo abbiamo chiesto al consulente legale barese Maurizio Tarantino, che ce ne parla questa settimana per la consueta rubrica di approfondimento giuridico.

“L’assegno di mantenimento è una forma di contribuzione economica consistente, in caso di separazione tra coniugi e qualora ricorrano determinati presupposti, nel versamento periodico di una somma di denaro o di voci di spesa da parte di uno dei coniugi all’altro o ai figli (qualora vi siano), per adempiere all’obbligo di assistenza materiale.

L’obbligo di assistenza materiale nascente dal matrimonio non si estingue con la separazione e non si sospende neppure in corso di causa di separazione, ma si concretizza con la corresponsione dell’assegno di mantenimento che si verifica quando sussistono alcune condizioni:

–   deve esserne fatta esplicita richiesta nella domanda di separazione dal coniuge richiedente;

–   al coniuge che richiede l’assegno non deve essere addebitata la separazione;

–  il coniuge richiedente non deve avere “adeguati redditi propri”;

–  il coniuge obbligato al pagamento dell’assegno deve disporre di mezzi economici idonei.

Il diritto all’assegno di mantenimento decorre dalla data della domanda, in applicazione del principio per il quale un diritto non può essere pregiudicato dal tempo necessario per farlo valere in giudizio (Cassazione. 22/9/2008, n. 23938), ed è dovuto fino al passaggio in giudicato della sentenza che pronuncia il divorzio (Cassazione 15/1/2009, n. 813).

Premesso quanto innanzi esposto, ci si chiede: la durata del matrimonio incide sul diritto all’assegno di mantenimento?

In relazione all’art. 5 comma 6 della Legge 898/70, il giudice, quando pronuncia il divorzio, deve valutare oltre alla situazione reddituale, anche la durata del matrimonio.

La giurisprudenza maggioritaria è ormai consolidata nel ritenere che “la brevità del matrimonio può incidere sulla quantità della somma dovuta a titolo di mantenimento, ma non sul suo riconoscimento”.

Per meglio dire, secondo tale orientamento (Corte di Cassazione sentenza n. 2156 del 29 gennaio 2010 e Ordinanza n. 21597 del 13.10.2014), la finalità dell’assegno di mantenimento, è quella di consentire al coniuge che non dispone di redditi adeguati un tenore di vita analogo a quello goduto durante il matrimonio; difatti, un matrimonio breve renderebbe anche più debole il vincolo familiare da cui scaturisce l’obbligo di versare l’assegno, con conseguente riduzione del suo importo. A tal riguardo, ricorda la Cassazione, un indice del tenore di vita dei coniugi può essere dato proprio dall’esistenza di una disparità di posizioni economiche tra i due coniugi durante il periodo del matrimonio.

Ed ancora, altra Cassazione (sentenza n. 23442 del 16.10.13), ha precisato che, anche nel caso in cui ilmatrimonio sia durato poco e i coniugi non abbiano convissuto, il coniuge che abbia ingenti disponibilità economiche deve mantenere l’ex, anche se quest’ultimo ha adeguati redditi propri. Pertanto, il notevole dislivello economico tra le parti deve far presumere, infatti, che durante il matrimonio, il coniuge meno abbiente (se pur autonomo) abbia goduto di un tenore di vita molto più elevato di quello che potrebbe avere a matrimonio cessato. In ogni caso, nello specifico caso in esame, sottolinea la suprema Corte, la brevità del matrimonio giustifica il riconoscimento di un assegno di mantenimento di importo inferiore a quello che sarebbe stato riconosciuto se l’unione tra i coniugi fosse durata più tempo.

Contrariamente a quanto sin qui esposto, recentemente la Suprema Corte di Cassazione, sull’argomento in esame ha stabilito un principio diverso dal citato orientamento; ergo, la non attribuzione dell’assegno di mantenimento.

Invero, con l’Ordinanza n. 6164 del 26.03.2015, la Corte di Cassazione ha stabilito che in caso di matrimonio di brevissima durata (appena 10 giorni di convivenza coniugale, ed 3 mesi tra la celebrazione e il deposito del ricorso per separazione), non spetta al coniuge l’assegno di mantenimento ne è ipotizzabile una pronuncia d’addebito.

In tal caso, evidenzia la Corte, se di solito, per vedersi riconosciuto il mantenimento è sufficiente che la parte economicamente più debole provi la sussistenza di un forte divario tra le capacità economiche proprie e quelle del coniuge, nonché l’elevato tenore di vita goduto nel corso della vita matrimoniale, ciò non può dirsi quando il matrimonio sia stato di effimera durata.

Non può tuttavia neanche negarsi che – di norma – il diritto all’assegno prescinde dal criterio della durata del matrimonio, nel senso che esso può incidere sulla sua misura ma non sul suo riconoscimento; tuttavia, ad ogni modo appare insensato che tale diritto possa sorgere quando la convivenza sia durata un tempo così breve da non potersi essere neppure creata una comunione di vita spirituale e materiale tra i coniugi che rappresenta, al contrario, l’essenza stessa del matrimonio.

In virtù di tutto quanto innanzi esposto, si evidenzia, quindi, che solo in presenza di una comunione di vita tra i coniugi si può procedere, infatti, all’esame del tenore economico goduto dalla coppia di sposi durante il matrimonio”.

Annunci

Un pensiero su “Separazione e assegno di mantenimento: l’incidenza della durata del matrimonio

  1. Gent.mo Avvocato Tarantino, le scrivo in quanto mio papà sta subendo delle ingiustizie mai viste e mai sentite.
    Le spiego in breve, mio papà ha 72 anni e 4 anni fa ha conosciuto una donna più giovane, sulla cinquantina, della quale si è perdutamente innamorato. Lei lo ha obbligato a sposarlo, nel senso che ha detto se vuoi stare con me ci dobbiamo sposare. Così è stato purtroppo. Si sono sposati ad ottobre ed a fine dicembre lei è leteralmete scappata tornando a casa dai suoi fratelli. Mio padre scioccato non ha fatto altro che cercarla al telefono, ma I fratelli l’hanno sempre negata dicendo che non sarebbe più tornata. Morale della favola: IL MATRIMONIO ERA UNA TRUFFA. Donna zitella di 50 anni cercava solo un pensionato che la mantenesse. Purtroppo il primo giudice ha realmente assegnato alla donna 600,00 € di mantenimeno (per soli 2 mesi di matrimonio!!!), dopodichè papà ha fatto ricorso a Bari e l’assegno è stato ridotto a 200,00€.
    Il problema è che ieri nel tribunale di Foggia si pensava di andare a chiudere la faccenda e firmare per il divorzio, invece la controparte ha ripresentato la richiesta per 600,00 € al mese ed il giudice si è riservato.
    Ora mi chiedo, ma Le sembra possibile che un giudice non si renda conto che è stato un matrimonio falso con uno scopo ben preciso e PREMEDITATO?! Possibile una tale ingiustizia? Mio papà prende una pensione di 1400,00€, ha lavorato una vita ed ora corre il riscio di dover dare per sempre dei soldi ad una ladra? Questa persona durante i 2 mesi di convivenza ha preso carte private di papà dai cassetti per vedere le sue entrate, era tutto premeditato! Mi dia un consiglio per favore…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...