Crisi di coppia, le responsabilità per l’abbandono del tetto coniugale

Articolo pubblicato sul “Quotidiano Italiano” edizione di Barletta del 19 ottobre 2015

http://bat.ilquotidianoitaliano.it/attualita/2015/10/news/crisi-di-coppia-le-responsabilita-per-labbandono-del-tetto-coniugale-64220.html/

Oltre all’infedeltà, anche l’allontanamento dalla casa coniugale senza un valido motivo comporta l’addebito della separazione nei confronti del coniuge responsabile di tale comportamento. L’abbandono del tetto coniugale è quella situazione in cui un coniuge si allontana dalla casa familiare interrompendo la convivenza matrimoniale ed è un atto che ha delle conseguenze legali che influiranno sulla causa di separazione e divorzio.

Ne parliamo con il consulente legale di Bari Maurizio Tarantino.

“Quando la situazione di convivenza diventa insostenibile si possono verificare due situazioni:

un coniuge va via di casa spontaneamente;
un coniuge allontana l’altro da casa.

In entrambi i casi la situazione è altamente rischiosa e spesso si agisce frettolosamente senza pensare alle conseguenze in ambito Civile e Penale.

Dal punto di vista del diritto civile, l’art. 143 del codice civile stabilisce che “…Dal matrimonio deriva l’obbligo reciproco alla fedeltà, all’assistenza morale e materiale, alla collaborazione nell’interesse della famiglia e alla coabitazione…”. La norma in esame annovera tra gli obblighi dei coniugi, oltre all’assistenza morale, anche quella di coabitazione; di conseguenza finché non si è legalmente separati il coniuge che abbandona il tetto coniugale, senza un motivo plausibile viola questi doveri e le conseguenze possono essere l’addebito dei costi di separazione, la perdita dell’assegno di mantenimento e dei diritti successori.

Dal punto di vista del diritto penale, l’art. 570 del codice penale prevede che “Chiunque, abbandonando il domicilio domestico … è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa da centotre euro a milletrentadue euro”. A tal proposito, giova ricordare che l’abbandono del tetto coniugale non è sempre reato; per meglio dire, secondo la storica sentenza della Cassazione penale n.12310 del 2 aprile 2012, affinché sussista reato, l’allontanamento deve essere ingiustificato e connotato da un effettivo disvalore etico e sociale:
1. con la volontà di non farvi ritorno almeno per un lungo lasso di tempo. Un allontanamento temporaneo non è idoneo a integrare il reato;
2. se tale comportamento ha come conseguenza cosciente e volontaria il mancato adempimento degli obblighi di assistenza inerenti alla qualità di coniuge. Tale assistenza non ha natura esclusivamente materiale ed economica (come la necessità di provvedere alle spese per il mantenimento), ma anche morale ed affettiva.

In considerazione di quanto previsto dalla legge, tuttavia, occorre precisare che l’abbandono del tetto coniugale non sempre è una situazione di responsabilità civile e penale. Difatti tale condotta può essere giustificata solo se chi si è allontanato da casa è stato costretto dal comportamento dell’altro coniuge o dal fatto che la convivenza aveva raggiunto alti livelli di intollerabilità. Ovviamente tutte queste circostanze devono essere analizzate dal giudice, il quale emetterà la sua decisione sulla base delle prove concrete prodotte dalle parti.

Quindi, per evitare che si possano verificare queste conseguenze è necessario fornire una giusta causa che abbia determinato l’impossibilità di continuare la convivenza. Esempi possono essere i continui litigi, l’infedeltà, violenza, invadenza di parti terze (come parenti).

Alla luce delle considerazioni innanzi esposte, il coniuge che si allontana dalla casa familiare, in preda ad una crisi di coppia, può vedersi addebitata la separazione se non prova in concreto l’intollerabilità della convivenza o altre gravi circostanze”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...