L’acqua in casa va riallacciata con urgenza se le bollette non pagate riguardano solo il garage

Articolo pubblicato in http://www.condominio.web

di Avv.Maurizio Tarantino

http://www.condominioweb.com/no-al-distacco-dellacqua-se-le-bollette-non-pagate-riguardano.12578#ixzz44xjHamO1

Se la morosità è collegata solo alla pertinenza dell’immobile, il gestore non può staccare l’acqua al condòmino

In tema di condominio, deve essere ordinato all’azienda che gestisce la somministrazione delle risorse idriche di riattivare immediatamente la fornitura del servizio relativo all’immobile a uso residenziale dell’utente laddove la morosità che ha determinato la sospensione riguarda il solo contratto di somministrazione relativo a una mera pertinenza dell’immobile, un garage, essendo invece particolarmente afflittivo l’impedimento a usufruire di servizi essenziali garantiti dall’articolo 32 della Costituzione, che tutela il diritto alla salute.

Così si è pronunciato il Tribunale di Fermo con l’ordinanza n. 703 del 23 marzo 2016, ove è stato precisato che l’acqua in casa va riallacciata d’urgenza se le bollette non pagate riguardano solo il garage, perché la sospensione di servizi essenziali finisce per ledere valori tutelati dalla Costituzione.

Questi i fatti di causa. Una condomina, con ricorso cautelare (art. 700 c.p.c.), adiva il tribunale di competenza, per il ripristino della fornitura dell’acqua, a causa della chiusura dell’impianto potabile da parte del gestore del servizio idrico.

Nel merito, la ricorrente, precisava che in casa vi era la presenza di una minore (figlia) e che la morosità aveva ad oggetto solo la bolletta relativa al contratto della pertinenza dell’immobile (garage); nonostante ciò, il gestore del servizio idrico integrato nell’ambito territoriale aveva sospeso la fornitura del servizio anche all’abitazione.

Nel corso del procedimento, il giudice adito, preliminarmente evidenziava che nella fattispecie in esame, i contratti di somministrazione idrica erano due: questi erano stati stipulati per l’immobile ad uso residenziale della ricorrente e per quello relativo al garage.

Di tali contratti, la ricorrente si è resa morosa solo di una fattura concernente il contratto di somministrazione di acqua del garage.

=> La sospensione dell’erogazione della fornitura dell’acqua per morosità condominiale

Orbene, a tal proposito, nella pronuncia in commento, è emerso che tale sospensione era apparsa afflittiva per l’utente del servizio idrico, comportando di fatto l’impedimento ad usufruire di servizi essenziali, quale è l’erogazione dell’acqua, garantito dall’articolo 32 della Costituzione che tutela il diritto alla salute.

Sul punto, giova ricordare che la giurisprudenza di merito non ha, al momento, assunto una posizione unitaria per la possibilità di sospensione dei servizi ritenuti “essenziali”, esistendo ad oggi, una serie di pronunce diverse, alcune di segno diametralmente opposto (Ordinanze Trib. Torino del 21.8.2014 e Tribunale di Brescia del 29.09.2014; contra Tribunale di Roma, Ordinanza del 27 Giugno 2014, Tribunale di Brescia, Ordinanze del 17.02.2014 e del 21.05.2014).

Nell’attesa di un necessario intervento chiarificatore, visti i rilevanti interessi in gioco e la possibilità di intaccare servizi senza dubbio essenziali, sarebbe preferibile, la tesi meno afflittiva del Tribunale di Milano esposta con l’ordinanza del 24.10.2013: possibilità di sospensione solo dei servizi “non essenziali, con esclusione di quelli relativi alla fornitura di acqua e riscaldamento che, semmai, potrebbero essere interrotti solo negli immobili non destinati ad abitazione principale (quali ad esempio: doppi immobili, box, garage, cantine, ecc.).

In buona sostanza, l’interruzione di un servizio comune qualora leda un diritto costituzionalmente tutelato quale, nel caso concreto, il diritto alla salute, non può trovare mai applicazione nei confronti di un condominio moroso.

Alla luce delle considerazioni innanzi espose, si evidenzia che, nel caso de quo, vi è la sussistenza dei requisiti del fumus boni iuris e del periculum in mora, posto che, quanto al primo requisito, l’illegittimità della sospensione della fornitura idrica nell’abitazione non può revocarsi in dubbio con riguardo a morosità relativa alla fornitura idrica del solo garage; con riguardo al secondo requisito, il fatto che la ricorrente abbia inteso per qualche mese non richiedere la via d’urgenza per la ricerca di soluzione al conflitto, alternativa al cautelare, non può ritenersi sintomatico dell’insussistenza del periculum, stante l’essenzialità del servizio.

Per tali ragioni, il giudice ha accolto il ricorso cautelare con condanna dell’ente alla riattivazione immediata della fornitura del servizio idrico integrato, relativamente al contratto pertinente all’immobile ad uso abitativo.

=> Sei moroso? Niente acqua!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...